Come mettere foulard in testa? Tutte gli stili da provare

Si tratta di un accessorio con una storia molto antica utilizzato da ceti sociali molto diversi tra loro, indossato da uomini, donne, soldati, a seconda delle epoche e per scopi differenti.

Per come lo conosciamo oggi, accompagna la donna almeno dagli anni Cinquanta, quando è diventato un’icona di stile proposto nelle sfilate di moda e portato alla ribalta dal cinema indossato da personaggi come Audrey Hepburn. Da allora non ha mai perso terreno, anzi, il mondo della moda l’ha continuamente riproposto e rivisitato. Infatti, il foulard può essere indossato in tanti modi diversi: in testa, al collo, al polso, per coprire le spalle.

Ad esempio, per incorniciare il viso nascondendo i capelli, stile anni Cinquanta e Sessanta appunto, accompagnato da un bel paio di occhiali da sole; oppure utilizzandolo come fascia-cerchietto per lasciare invece i capelli liberi e ben in vista. In questo caso, in base al vostro gusto e al vostro taglio di capelli, potrete giocare con la larghezza della fascia e decidere se indossarla piatta oppure arrotolata intrecciata su sé stessa.

Diamo sfogo alla fantasia con il foulard tra i capelli, particolarmente adatto soprattutto per una mise estiva. Quindi, è il momento giusto. Ecco alcune idee.

Foulard turbante

Foulard in testa: alcune idee

Essendo molto versatile, si presta bene per completare o comunque arricchiere diverse acconciature.

La treccia: dovete inserire il foulard tra i capelli man mano che si compone l’intreccio. Vedrete, il risultato sarà davvero originale con l’alternanza del colore dei vostri capelli con quelli del foulard. Quest’anno è tornato di moda lo chignon: quindi, inserite il vostro foulard tra i capelli che poi unirete e raccoglierete in cima alla testa per formare lo chignon che rimarrà incorniciato dai colori del vostro foulard.

La coda: anche una semplice coda di cavallo, alta o bassa che sia, può essere arricchita utilizzando un foulard al posto di un semplice elastico. Anche in questo caso, a voi la scelta tra un foulard più o meno lungo in modo che cada ad altezza diversa sulla vostra schiena. Oppure potete legare i capelli facendo una coda bassa laterale, quindi facendo appoggiare i capelli su una spalla e lasciando il foulard ben in vista accanto al vostro viso.

Se invece vi piace lo stile anni Settanta, basta portare il foulard sulla fronte come fosse una fascia, lasciando quindi scoperto il capo e i capelli che cadono sulle spalle. Oppure, coprire con il foulard sia la fronte sia il capo lasciando quindi intravedere i capelli solo dalle orecchie in giù, diciamo stile “pirati dei caraibi”. Per realizzarlo è sufficiente legarlo con un nodo alla nuca.

Foulard

Come usarlo al mare

Il foulard può diventare un turbante dove nascondere completamente i capelli, per proteggerli da sole e salsedine, ma anche semplicemente perché è cool! Lo stesso foulard-turbante la sera si può trasformare nel tocco originale, indossato con un bel paio di orecchini e con un abito semplice monocolore cosi da mettere in evidenza le tonalità e la fantasia del disegno dell’accessorio.

Non è difficile da realizzare: basta piegarlo in due, metterlo sulla testa, come se fosse un velo da sposa per farvi capire, effettuare un nodo all’altezza della nuca e poi arrotolare su sè stessi i 2 lembi che avanzano, portarli sopra la testa dove li unirete con un altro nodo.

Il foulard messo tra i capelli può essere abbinato a un secondo foulard, che dovrà essere molto più piccolo naturalmente, indossato al polso oppure legato al manico della nostra borsa, ovviamente abbinato al nostro outfit. Potete anche comprare dei foulard proprio solo a questo scopo, riponendoli nell’armadio vicino alle borse a cui volete abbinarli!

Vi do una dritta: un modello tornato in auge questa primavera direttamente dagli Anni Novanta: la bandana che, come allora, si presta benissimo per incorniciare polso o collo e naturalmente per impreziosire le vostre pettinature.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO